cerca nel sito      

CESARE DE LEONARDIS
IL FINTO INCANTO
Comedia
Testo critico, introduzione e note a cura di Olimpia Pelosi
149 pagine
formato 15x21,5 cm
anno 1984

Il Finto Incanto di Cesare De Leonardis è una tra le innumerevoli opere minori, per la maggior parte dimenticate o messe in ombra dalla critica, che finirono a Napoli e nei suoi immediati o più lontani dintorni nella seconda metà del secolo decimosettimo.
Essa ben rappresenta il delicato momento di trapasso che si verificò nel Meridione in questo periodo di pieno asservimento alla Spagna.
L'influenza dei dominatori sul costume si concretò infatti nell'acquisizione pressoché totale dei modelli e dei valori oltreché sociali, culturali e letterari stranieri.
Fu questa l'epoca dei cosiddetti «drammi italo-spagnuoli»; sulla scorta di Lope de Vega e Calderón De la Barca i commediografi meridionali (invertendo i termini del secolo precedente) si dettero con foga «alle traduzioni, alle imitazioni, ai rifacimenti delle commedie spagnuole di capa y espada».
Nacquero così opere «ibride» che presentavano, già tramutanti (ma ancora in qualche modo operanti) i caratteri della commedia improvvisa italiana e della vis comica spagnuola.

OTTIMIZZATO 1024X768

PALLADIO EDITRICE     Via Pio XI, 100 - 84125 SALERNO     tel. 329-2366668     fax 089 234638     URL  http://www.palladioeditrice.it     e-mail  info@palladioeditrice.it

Aggiornato il: 23 marzo 2004